Osteoporosi, bisfosfonati orali riducono il rischio di fratture ossee da glucocorticoidi

icon1

Osteoporosi, bisfosfonati orali riducono il rischio di fratture ossee da glucocorticoidi

  bisfosfonati osteoporosi prevenzione salute

La somministrazione precoce di bisfosfonato per via orale sembra ridurre il rischio di fratture nei pazienti in terapia con glucocorticoidi orali, come il desametasone e il prednisone.

La somministrazione precoce di bisfosfonato per via orale sembra ridurre il rischio di fratture nei pazienti in terapia con glucocorticoidi orali, come il desametasone e il prednisone. A sostenerlo sono i ricercatori dell’Università di Toronto e della McMaster University di Hamilton in Canada, che hanno condotto uno studio pubblicato sul Journal of Bone and Mineral Research, secondo cui i bisfosfonati vengono comunemente utilizzati nell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi, anche se la loro efficacia è certa solo nell'osteoporosi primaria dove il meccanismo d’azione della perdita ossea è differente da quello di origine iatrogena.

Per stimare l'efficacia di alendronato, etidronato e risedronato nella riduzione del rischio di frattura in più di 140 mila adulti di almeno 66 anni sottoposti terapia cronica con glucocorticoidi orali, i ricercatori hanno analizzato i dati sanitari e amministrativi provenienti dall'Ontario. Rispetto a nessun trattamento con bisfosfonato, l'alendronato è risultato associato a un rischio di frattura dell'anca a un anno ridotto del 54% e di frattura vertebrale ridotto del 48%, il risedronato a un rischio di frattura dell'anca ridotto del 42% e di frattura vertebrale ridotto del 53%, l'etidronato a un rischio di frattura vertebrale ridotto del 41%, ma senza un'associazione significativa con il rischio di frattura dell'anca.

Secondo i ricercatori canadesi tali risultati dovrebbero contribuire a migliorare la gestione dell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi, evidenziando come alendronato e risedronato siano realmente efficaci nella prevenzione delle fratture ossee associate alla somministrazione di glucocorticoidi orali.